ENIT menu
Adidas LDN: retail superstar

Adidas LDN: retail superstar

EXPERIENCE / RETAIL / TREND

Questo autunno a Londra è stato inaugurato LDN, il nuovo flagshipstore di Adidas che ha preso nome dall'abbreviazione della capitale inglese. Siamo a Oxford Street, la strada che ha mantenuto con le unghie e con i denti la nomea di via dello shopping per eccellenza, nonché la più movimentata in Europa.

Di spazi retail in questi ultimi mesi ne abbiamo visitati tanti, ma appena varcata la soglia di Adidas LDN abbiamo capito che ci aspettava qualcosa di diverso. Tanto che ci ha fatto venir voglia di raccontare nel dettaglio perché è diventato uno dei nostri store preferiti.

Uno store con di tutto e di più

Partiamo da qualche numero che fa cominciare a sognare ancor prima di entrare. Adidas LDN è un hi-tech store di 2500 metri quadri distribuito su 4 piani con più di 100 touchpoint digitali: uno spazio molto vasto eppure attento a tutti quei dettagli che rendono ogni visita unica e personale.

Qui abbiamo ritrovato molte delle principali tendenze globali del retail, il che fa di LDN un nuovo benchmark a tutti gli effetti: sostenibilità, inclusività, retailtainment, personalizzazione, tecnologia immersiva, l'interconnessione tra piano fisico e digitale con un'anima glocal. Lo spazio è considerato da Adidas come un laboratorio retail internazionale per testare integrazioni digitali, layout e corner tematici, che saranno poi applicati in altri store del brand.

Nell’ampia varietà delle sezioni, così diverse eppure perfettamente integrate tra di loro, abbiamo conosciuto il laboratorio per testare i prodotti sul tapis roulant e il corner specializzato nella pulizia delle sneakers, con possibilità di ingannare l’attesa con una bella partita di ping-pong! Sfruttando le installazioni multimediali siamo stati coinvolti in una partita di basket e (rullo di tamburi!) in una corsa ad ostacoli. Abbiamo poi partecipato, nel makerlab, a un laboratorio creativo con Helen Kirkum, fondatrice di uno studio specializzato nella realizzazione di sneaker con materiale di scarto.

Un hub esclusivo con un approccio inclusivo

Come prima cosa, l’accoglienza. A metterti subito a tuo agio un team che parla ben 31 lingue diverse. Come a dire: va benissimo la tecnologia e il digitale, ma la componente umana e la diversity in uno spazio fisico devono subito farsi riconoscere. Adidas adotta un approccio inclusivo anche scegliendo di esporre manichini di tutte le taglie sparsi per il punto vendita.

A dare un tocco più caldo all’atmosfera un resident-dj e moltissime installazioni con opere di artisti locali che ribadiscono il legame tra spazio fisico e contesto.

Insomma: tutti, davvero tutti, sono i benvenuti. Un concetto che ricalca alla perfezione la mission dello store: da una parte voler lasciare il miglior ricordo possibile del brand per coloro che visitano questo spazio, dall’altra alzare l’asticella “esperienziale” del retail creando un nuovo third space per i londinesi.

Adidas LDN tra anima digitale e green

Adidas LDN è stato acclamato come il negozio più digitale di sempre. Abbiamo utilizzato l’app “Bring it to me” che ti permette di scannerizzare prodotti, controllarne la disponibilità, richiedere la taglia e comprarli direttamente, senza dover fare code o cercare la specifica area di vendita del prodotto.

Un’altra chicca è l’area “The Base”, uno spazio coperto con pavimenti e pareti a LED che consente a ogni cliente di creare una fantasia, scaricarla e farla pressare a caldo su una maglietta.

Incredibile la hall dei camerini dove troneggia un gigantesco schermo a LED che ti catapulta nello stadio dell'Arsenal - una vera sorpresa insieme agli specchi interattivi su cui ordinare altre taglie o colori senza dover muovere un passo.

Da Adidas LDN l’impegno per la difesa dell’ambiente è tangibile e sottolineato non solo da un uso attento di tessuti e materiali di riciclo nei prodotti - spiegati dettagliatamente in infografiche digitali - ma anche dalla scelta di una produzione di energia 100% sostenibile che alimenta i digital touchpoint presenti in tutto lo store.

In linea con l’anima sempre più plastic-free di Adidas, c'era anche il distributore gratuito di acqua potabile, presente in molti negozi della capitale inglese.

Il retail del futuro a metà strada tra storytelling e ingegneria

Adidas LDN è il motivo per cui ognuno di noi dovrebbe recarsi in un negozio invece di fare lo stesso acquisto comodamente dal divano. È l’esperienza dove fisico e digitale convivono armoniosamente, un luogo sostenibile di aggregazione e intrattenimento, con una varietà incredibile di servizi personalizzati.

A farci uscire col sorriso, dopo aver percorso su e giù i quattro piani, è stata l’appassionante chiacchierata con un giovane ingegnere. Sì, perché Adidas ha deciso di assumere esperti in grado di mischiare storytelling e conoscenza tecnica, per spiegare ai clienti come avviene la fabbricazione delle scarpe con materiale interamente riciclato. Il suo racconto ci ha fatto capire che qui, da Adidas LDN, tutti possono portarsi a casa un pezzo di futuro.

Read our other posts:

EXPERIENCE / RETAIL / TREND

La rivoluzione del retail: da luogo di vendita a mezzo di comunicazione

Un tempo gli store erano gli unici luoghi dove avvenivano le vendite e dove si poteva realmente misurare il valore com... altro

EXPERIENCE / MARKETING / RETAIL / TREND / UNCONVENTIONAL

La Teatralità nel Punto Vendita

Tutto è iniziato con Sleep no More, il premiato spettacolo newyorkese che si ispira alla storia drammatica e sa... altro

EXPERIENCE / MARKETING / RETAIL / TREND / UNCONVENTIONAL

Sonic Branding: l’avanzata dei brand alla velocità dei suoni

La risposta a un suono è immediata e primordiale: bastano soli 0,146 secondi, anche senza conoscenze pregresse ... altro

EXPERIENCE / RETAIL / TREND / UNCONVENTIONAL / VISUAL CULTURE

HiPanda a Tokyo: da Augmented Reality a Augmented Retail

Varcare la soglia di uno store per tuffarsi in un’altra dimensione. La tecnologia coinvolge il consumatore in pr... altro